RCBazar utilizza i cookie. Chiudendo questo banner, cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie

Ho fondato RCBazar.net nel Marzo 2003 e lo gestisco praticamente da solo. Mi trovo spesso nell'impossibilità  di aggiornarlo e per questo motivo ho deciso di aggiungere un modulo di collegamento con la pagina di FaceBook. Per informazioni scrivete a: info@rcbazar.com.
Top Panel
Venerdì, 23 Agosto 2019
- - - - - -
A+ R A-

Analizziamo il nostro rendimento

  • 01 Feb 2006
Nella vita mi piace affrontare qualsiasi questione partendo da un' analisi attenta delle problematiche ad essa legate e quindi decidere una strategia operativa che mi porti a gestirla sempre meglio fino a diventare, perché no, competitivo.
Paradossalmente, quindi, l' attuazione della strategia è la parte più facile del processo, purchè l' analisi preventiva sia stata ben condotta. Secondo me nel nostro hobby le cose non cambiano. La gestione del modello, che per me è l' attuazione della strategia, è la parte più facile dell' intero processo che porta dal primo assemblaggio al podio.
Ho imparato a gestire i miei due modelli attingendo in modo quasi ossessivo da internet tutte le informazioni necessarie. RCBAZAR ed il MANTUA MODEL FORUM per me non hanno più segreti. Ho stritolato le meningi (e non solo quelle) agli amici che si sono dimostrati disponibili a darmi le giuste informazioni, ho seguito gare titolate per imparare la pratica dai campioni ho sperimentato soluzioni tecniche più o meno ardite che hanno dato risultati più o meno buoni.
La parte più difficile, quindi, è l'analisi, che spazia dall'osservazione del comportamento dinamico del modello a quella del proprio comportamento, inteso come approccio personale alla gara.
Assodato che la maggior parte di voi ha la sua bella esperienza nella preparazione del modello, il piccolo contributo che io voglio fornire consiste in uno strumento che potrebbe essere molto utile a chi desidera migliorarsi come pilota.
Ovviamente è uno strumento di analisi e, come tale, migliorabile in ogni suo aspetto. Io mi sento di pubblicarlo ora perché penso che abbia raggiunto un livello di sviluppo sufficiente per affrontare dignitosamente le vostre valutazioni. Io l' ho usato e continuo ad usarlo con la stessa frequenza con cui uso il calibro per montare la macchina e devo dire che mi è tornato utile, soprattutto quando ho potuto iniziare a fare la comparazione dei dati relativi alle varie gare che avevo effettuato sulla stessa pista.

Si tratta di una scheda in formato excel che, compilata in alcune delle sue parti riportando il crono personale della gara, elabora in automatico una serie di informazioni dall'analisi delle quali si può capire quale sia stato il rendimento personale e del team durante la competizione. Gestire questa scheda potrebbe risultare un pò ostico all'inizio ma, una volta capito il funzionamento, diventa tutto più facile. Tuttavia una minima conoscenza di Excel non guasta, i più esperti non avranno alcuna difficoltà .

Come funziona

Nella tabella CRONO GARA si riportano i tempi che scaturiscono dal cronometraggio, la colonna cent. Tot. calcola automaticamente il tempo in centesimi che non aggiunge niente ma serve come base per l'elaborazione dei dati successivi e per la compilazione automatica del grafico. Da una prima analisi di questa tabella e del grafico si stabilisce subito quali sono i giri in cui si è effettuato il rifornimento e quelli in cui si son compiuti degli errori, si capisce anche se c' è stata una tendenza a migliorarsi nella guida, se il rendimento è stato costante o se si è peggiorati col progredire della gara.

Ad esempio: guardando il grafico, il casino che ho combinato tra il 24° ed il 30° giro non ha una motivazione tecnica ma fisiologica. Non reggo ancora i venti minuti di gara, ad un certo punto mi lacrimano gli occhi e non vedo più un c .! Questo mi succede sempre, e sempre verso i due terzi di gara, l' ho scoperto comparando appunto i grafici delle ultime tre gare, due di rally (4° e 2° classificato) e una di off (che ho vinto). Questo per dire che il tipo di analisi permette una comparazione che prescinde dal tipo di gara a cui si partecipa e permette di capitalizzare tutte le esperienze.
La seconda fase è quella dell'implementazione della colonna R  sempre della stessa tabella.
Ciccando sulla casella F14 si nota che questa è una semplicissima formula (=A14) che significa che nella casella selezionata è riportato il valore della casella A14, cioè il numero dieci, che in questo caso corrisponde al giro di rientro per il primo rifornimento. Se i giri fossero stati dodici anziché dieci si sarebbe dovuto selezionare la casella F17 ed inserirvi la formula (=A16).
Selezionando ora la casella F23 si nota che contiene la formula (=A23-A14) che corrisponde alla differenza tra i giri compiuti fino al secondo rifornimento e quelli fino al primo: 19-10= 9 giri (calcola i giri compiuti con il secondo pieno). Anche in questo caso è chiaro che se i giri totali fossero stati 22 la casella da selezionare sarebbe stata la F26 e si sarebbe dovuta inserire la formula (=A26-A14).
Proseguendo così fino alla fine si ottiene il calcolo dei giri percorsi per ogni rifornimento.
Questi valori possono essere inseriti anche senza le formule ma potrebbe essere più facile sbagliare il calcolo dei giri.
La terza fase consiste nell'implementazione dei campi verdi in cui sono riportati gli intervalli di tempo trascorsi tra i rifornimenti. Questo dato è importante per capire come è stata gestita la gara per quanto riguarda i rifornimenti e valutare se, in funzione dei consumi del motore si sarebbe potuto fare di meglio. E' importante anche il dato del tempo con cui si è percorso il giro immediatamente dopo il rifornimento da cui si evince il tempo impiegato al box per rifornire (anche questo è un aspetto suscettibile di potenziali miglioramenti).
Il primo campo in alto, corrispondente alle caselle G5-H5-I5, avrà  sempre valore zero.
Il secondo campo sarà  in corrispondenza dell'ultimo giro prima del rifornimento (in questo caso il decimo giro). Cliccando sulla casella G14 si nota che questa contiene una formula che serve per calcolare i minuti trascorsi tra il primo giro (corrispondente al valore nella casella E5) ed il decimo giro (corrispondente al valore nella casella E14). Anche in questo caso se il giro fosse stato ad esempio il tredicesimo l'inserimento di questi dati avrebbe interessato le caselle G17-H17-I17. e non le G14-H14-I14.
Per spostare la formula dalla sua posizione attuale basta fare copia e incolla nella nuova casella ma è importante che dopo questa operazione siano aggiornati i valori della formula che fanno riferimento alle caselle (quelli in colore blu nella barra della formula) in modo che coincidano con il campo di dati da considerare per il calcolo..
La procedura è identica per il calcolo dei secondi (casella H5) e dei centesimi di secondo (casella I5). Ovviamente le formule a seguire sono più complesse ma l'importante è modificare solo i valori nella modalità  descritta sopra.
A questo punto nella tabella seguente il Tempo totale gara  è stato calcolato automaticamente.
Le operazioni da compiere in questa fase sono: Compilare i campi in giallo con i corrispondenti valori dei giri percorsi per ogni rifornimento precedentemente calcolati.
Implementare le caselle che calcolano il tempo medio sul giro impiegato per ogni fase di gara; la procedura è identica a quella per i campi verdi della tabella precedente.
Ripeto: nelle formule vanno modificati solo i valori tra parentesi che fanno riferimento alle caselle.
Il Miglior giro della gara è calcolato automaticamente.
Dall'analisi di questa tabella si evince il rendimento nelle fasi di gara che vanno tra un rifornimento ed il successivo.
Per tornare all'esempio specifico: i l tempo più alto nella 3° fase di gara conferma il problema della lacrimazione degli occhi, risolta, poi, durante l'ultimo rifornimento con conseguente abbassamento della media nella fase finale.

PMC

Potete scaricare quì il file in excel e questo documento in pdf

Chi siamo

Ho fondato RCBazar.net nel Marzo 2003 e lo gestisco praticamente da solo. Mi trovo spesso nell'impossibilità  di aggiornarlo e per questo motivo ho deciso di aggiungere un modulo di collegamento con la pagina di FaceBook. Per informazioni scrivete a: info@rcbazar.com.