RCBazar utilizza i cookie. Chiudendo questo banner, cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie

Ho fondato RCBazar.net nel Marzo 2003 e lo gestisco praticamente da solo. Mi trovo spesso nell'impossibilità  di aggiornarlo e per questo motivo ho deciso di aggiungere un modulo di collegamento con la pagina di FaceBook. Per informazioni scrivete a: info@rcbazar.com.
Top Panel
Lunedì, 19 Novembre 2018
- - - - - -
A+ R A-

Radio JR Racing R-1

  • 04 Set 2005

La JR R-1 è una radio 3 canali a volantino della JR Propo che si pone come vertice di gamma dalle grandi potenzialità  ed estremamente sofisticata. Disponibile in Italia da diverso tempo, da quando ha sostituito la R756, era importata dalla Gimax di Brescia.
La radio attualmente, in configurazione ufficiale, è offerta tra 337 e circa 500 euro euro a seconda del tipo di trasmissione e distributore scelti. La confezione che comprende Trasmettitore con pacco batterie, Ricevente, un completo e dettagliato manuale di istruzioni in Italiano mentre non sono compresi i servocomandi. Non abbiamo individuato street price  significativamente inferiori.
Va specificato che attualmente la JR R-1 è distribuita in Italia da X3 Models e Gimax, quest' ultima la offre anche un attrezzato centro assistenza. l'apparato che vedete nelle foto è la versione prima del restyling, solo leggermente diversa nell'estetica rispetto ai complessi più recenti. La confezione, classica e accattivante, contiene come detto lo stretto indispensabile come generalmente avviene per ogni radio top level., il tutto è ben imbottito per ripararne il prezioso contenuto. Appena presa in mano la trasmittente si nota subito la qualità  dei materiali, ottima la plastica, pur senza inserti in gomme per migliorare il grip dell'impugnatura, morbido lo sterzo e precisi i pulsanti con tocco quasi a sfioramento . Il peso del trasmettitore, completo di 8 pile stilo disposte singolarmente in un apposito alloggiamento estraibile, è di 920 grammi molto ben bilanciati grazie alla originale forma che incorpora un ampio display nella parte bassa anteriore del trasmettitore. Inoltre il volantino di sterzo è posto piuttosto in sbalzo rispetto all'asse verticale dell'impugnatura consentendo, oltre ad una presa comoda ed ergonomica, anche un ottimo bilanciamento, soprattutto se si è abituati a tenere la radio verticale, diversamente devo dire che è facile adattarsi al tipo di impugnatura.
Interessante la immediata prefazione  nel manuale in italiano d' uso della radio che permette di iniziare a giocare  senza doversi sorbire subito un volume di istruzioni che ci leggeremo poi con comodo appena passata la iniziale smania di utilizzo per il nuovo giocattolo. Proseguendo nella lettura si nota come il manuale, completamente in Italiano, sia veramente ben fatto, con spiegazioni brevi, precise e mirate, completate da disegni raffiguranti la schermata del men๠che si va a descrivere. Manca solo qualche esempio, sempre utile, anche se in questo caso non risulta strettamente necessario. Interessante la funzione System che permette l'immissione di dati base generali (es. senso di rotazione servi, nome modello, etc) da cui partire poi per modificare su diversi modelli memorizzabili più parametri differenti appartenenti allo stesso modello. Inoltre la modalità  Beginner (principiante) che permette di concentrarsi sulla programmazione delle funzioni principali lasciando in secondo piano quelle più sofisticate e secondarie che richiedono più esperienza e maggiore conoscenza per passare successivamente ad Expert.
Oltre alle classiche funzioni disponibili, qui in selezione digitale,come reverse, allarme batterie scariche (impostato a 9.0volts), esponenziale, regolazioni separate per le semi-corse dei servi abbiamo anche funzioni avanzate proprie di radio di questo livello come allarme di spostamento accidentale trim e idle set, 3° canale, timer e cronometro (in questo caso multifunzione), impostazione nome del modello (6 modelli sono memorizzabili). Inoltre la JR Propo R-1 dispone anche di un tasto programmabile, della originale funzione ABS completamente programmabile, regolazione contrasto dello schermo (sembra una finezza ma risulta utile nelle giornate di sole), il fail safe, il trasferimento dati tra modelli memorizzati, differenti miscelazioni disponibili, il blocco motore di emergenza (trottle hold) , la regolazione della curva del gas in 8 punti, la regolazione della velocità  dei servocomandi., l'idel up per l'aumento del regime di minimo dal trasmettitore, l'acceleratore rapido per diminuire il lag  di risposta del servo da neutro a inizio accelerazione, e molte altre funzioni che rendono questo complesso molto sofisticato, ma allo stesso tempo decisamente user friendly  grazie come detto ad alcune possibilità  di semplificare la programmazione ed ai molti tasti che rendono molto diretta la regolazione delle tarature principali.
La ricevente R330S ha dimensioni abbastanza contenute, anche se gli attuali automodelli richiedono rx sempre più miniaturizzate imponendo anche a JR di diminuire almeno lo spessore con copri quarzo in un prossimo futuro. Le spinette sono di tipo classico come polarità  e sono quindi compatibili con Hitec, Sanwa Z e Futaba, anche se queste ultime hanno un piccolo labbro laterale che andrebbe eliminato per inserirsi nella presa senza sforzare. Le prese per le spinette sono poste sul lato più grande della cassa rx così come il quarzo, il peso infine è praticamente trascurabile. Dimensioni della ricevente : 40 x 28 x 17mm l'ultimo lato se misurato col copriquarzo è 22mm. Peso decisamente contenuto così come la lunghezza dell'antenna che non è sicuramente aeromodellistica . Nella modalità  di trasmissione in PCM si può utilizzare la utilissima funzione di fail safe integrata nella radio e regolabile dal trasmettitore, mentre se deciderete di utilizzare la trasmissione in FM dovrete eventualmente munirvi di una ricevente FM del tipo con fail safe integrato. A tal proposito abbiamo riscontrato perfetta compatibilità  con riceventi Hitec in FM a singola conversione come la HFS04+ priva di fail safe (4 canali quindi sfruttabile interamente) o con nuova miniricevente Hitec dotata di fail safe già  mostrata in un altro articolo. In entrambi i quarzi abbiamo dovuto utilizzare quarzi originali JR. Tra le compatibilità  provate abbiamo anche le riceventi Sanwa sia nere (come quella a polarità  invertite della Exzes) sia quelle blu più recenti con polarità  standard , anche in questo caso i quarzi da utilizzare sono gli originali JR.
Trasmettitore - La plastica utilizzata per il case del trasmettitore è di elevata qualità , infatti anche dopo molti mesi di uso con modelli a scoppio è ancora in ottime condizioni estetiche, segno che il materiale utilizzato risulta poco attaccabile dagli agenti chimici che inevitabilmente vengono a contatto coi nostri preziosi radiocomandi. La spugna del volantino invece col tempo si è un po' indurita anche se solo marginalmente. Come detto le plastiche risultano ancora belle, anche se il fatto che siano abbastanza lucide  già  da nuove a qualcuno da un po' l'idea del giocattolo , comunque complessivamente il design ricercato ed originale, con dettagli come volantino e viti cromate e l'antenna nera donano alla radio un look particolarmente racing  Precisi e disposti con una certa logica d' uso gli 8 tasti funzione per settare le funzioni e navigare all'interno dei vari men๠e sotto menà¹; sono raggruppati sul lato anteriore, in alto a destra in posizione comodamente raggiungibile ma lontana da possibili contatti accidentali durante la guida. La disposizione è a fiore  per i 4 selettori mentre più distanziati, negli angoli della parte destinata ai pulsanti troviamo i 4 principali tasti di navigazione. Diversi altri interruttori e tasti si trovano posizionati sullo sbalzo che avvicina il volantino al pilota rispetto all'impugnatura del radiocomando, tra essi alcuni interessanti tasti per attivare funzioni dirette senza passare per le sofisticate vie del men๠digitale, i trim di sterzo e gas che sono di tipo digitale e la vite di regolazione per la tensione della molla di ritorno del volantino. Sulla parte superiore sinistra del lato anteriore infine troviamo le parti relative all'alimentazione, quindi interruttore a slitta on-off con relativo led indicatore, presa di ricarica, e presa DSC

Tutti i tasti risultano raggruppati e disposti secondo una certa logica ed in maniera facilmente raggiungibile, il risultato è quindi una radio altamente personalizzabile a livello software, e facilmente accessibile come regolazioni Nella parte posteriore del trasmettitore troviamo infine il modulo intercambiabile che incorpora il quarzo di frequenza posto verso l'interno. Il modulo estraibile permette di variare il tipo di trasmissione (FM, S-Z PCM) e la banda di trasmissione (27, 29, 40, 75 MHz), nonché di optare in futuro per il nuovo sistema Spectrum ad elevata frequenza e mancanza di quarzo. Il quarzo originale di frequenza trasmissione risulta ben protetto in quanto posto verso l'interno del modulo e quindi non esposto a urti che si potrebbero avere appoggiando la radio sul Glossary Link banco di lavoro, soprattutto durante le vibranti accensioni dei modelli a scoppio, questo alloggiamento risulta però scomodo quando si voglia sostituire il quarzo di frequenza in quanto si deve prima estrarre il modulo di trasmissione che con il tempo potrebbe rovinarsi lungo i connettori di aggancio e connessione. A voler verificare non abbiamo però mai avuto alcun problema di questo tipo anche dopo oltre un anno di utilizzo. Riguardo alla ergonomicità  come detto si è a ottimo livello, anche se avremmo preferito maggiori gommature sull'impugnatura per renderla più spessa e ferma, e anche la regolazione dell'ampiezza del grilletto, presente ad esempio sulle radio KO, avrebbe facilitato la personalizzazione . Da notare l'impossibilità  di modificare la radio da destri a mancini  come in alcune (rare) concorrenti Tutti i parametri e le correzioni vengono visualizzati sull'ampio display, ben visibile e chiaro, attivabile anche senza trasmissione, e regolabile come contrasto di lettura.
Power Pack come detto il trasmettitore è alimentato tramite 8 batterie tipo AA (stilo) posizionate singolarmente all'interno di un contenitore estraibile. Questo sistema, pur non piacendo a tutti in quanto più sensibile ai falsi contatti, si è rivelato particolarmente affidabile e comodo in occasione di allarme pile scariche durante una giornata in gara, in quanto è possibile sostituire le classiche ricaricabili con 8 alcaline che ci si può tenere di scorta in cassetta garantendosi ulteriore autonomia. Sempre a proposito di autonomia la R-1 si è rivelata particolarmente parca nei consumi convalidando l'elevata autonomia dichiarata dal costruttore, anche con batterie non particolarmente potenti. Infine ricordiamo che se avete la possibilità  è meglio ricaricare le batterie estraendole dal trasmettitore bypassando quindi il circuito di connessione del jack di ricarica al tramettitore. In questo modo le vostre batterie potranno raffreddarsi meglio durante la carica e se avete un caricatore dotato di sistema Delta Peak eviterete i falsi picchi generati dalla presenza del diodo di protezione da inversione di polarità 
Direct Servo Control Il complesso è dotato di presa DSC che consente, durante il ritiro radio in gara, di poter consegnare il solo modulo trasmissione, potendo poi eventualmente continuare ad intervenire sulle regolazioni radio e servi semplicemente connettendosi tramite questo cavetto. Questa funzione è utilizzabile tramite l'apposito cavetto optionale da connettere in parallelo alla batteria sulla trasmittente.

Affidabilità  Non abbiamo riscontrato alcun tipo di problema nemmeno dopo il termine del periodo di garanzia, diversamente avendo acquistato dall'importatore ufficiale avremmo potuto rivolgerci al servizio assistenza della Gimax (a cui ci eravamo rivolti in passato per altre cose) che ci è sembrato competente ma piuttosto lungo come tempi di risposta e assistenza. Nello specifico non abbiamo riscontrato, come detto, né problemi di tipo software né hardware nel trasmettitore, e mai un falso contatto sulla ricevente. Inoltre nessuna interferenza si è manifestata, evidenziando la buona selettività  di segnale del complesso R-1 + R330S, nemmeno quando si è dovuto girare contemporaneamente con altre frequenze simili alla nostra. Infine una valutazione sul fail safe, rivelatosi un guardiano silenzioso ed efficace che interviene al momento giusto, in questa radio infatti il fail safe è regolato con una sensibilità  davvero azzeccata, mentre sui complessi precedenti (X756 ed R756) si era evidenziato un intervento spesso un po' troppo scrupoloso  da parte di questa caratteristica, inducendoci a disattivarlo per evitare che intervenisse con soglie di segnale ancora utili alla guida ma evidentemente ritenute troppo basse dal fail safe stesso.



SPECIFICHE TECNICHE

- Display grafico a matrice di punti
- Capacità  di memoria per 10 modelli
- S Z PCM / PPM selezionabile
- Sofisticato sistema di frenata ABS
- Dispositivo DSC per regolazione servi senza trasmissione radio
- Modulo di trasmissione AF intercambiabile
- Curve regolabili di motore e freno su 8 punti
- Cinque trim digitali totalmente programmabili dotati di auto memoria
- Cronometro contagiri memorie per tempi sul giro, miglior tempo, e tempo medio sul giro
- Velocità  sterzo regolabile in modo indipendente sia in sterzata che in ritorno
- Pacco pile ad alta capacità  per elevata autonomia



Links utili o correlati all'articolo

Ricevente Hitec
Spektrumc
Lynx 3D
Manuale Futaba 3PK
Polarità  e spinette
Tiranteria corretta
JR Propo
JR Propo sito Giapponese
X3 Models
Gimax

Chi siamo

Ho fondato RCBazar.net nel Marzo 2003 e lo gestisco praticamente da solo. Mi trovo spesso nell'impossibilità  di aggiornarlo e per questo motivo ho deciso di aggiungere un modulo di collegamento con la pagina di FaceBook. Per informazioni scrivete a: info@rcbazar.com.