RCBazar utilizza i cookie. Chiudendo questo banner, cliccando su OK, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie

Ho fondato RCBazar.net nel Marzo 2003 e lo gestisco praticamente da solo. Mi trovo spesso nell'impossibilità  di aggiornarlo e per questo motivo ho deciso di aggiungere un modulo di collegamento con la pagina di FaceBook. Per informazioni scrivete a: info@rcbazar.com.
Top Panel
Giovedì, 18 Aprile 2019
- - - - - -
A+ R A-

Rilevatori di Temperatura

  • 27 Gen 2004
Tra i problemi maggiormente sentiti dagli tilizzatori di motori 2 tempi per automodellismo c'è quello del raffreddamento del motore e della corretta temperatura di funzionamento.
Ecco quindi che la conoscenza della corretta temperatura di funzionamento e la sua verifica durante le sessioni in pista diventano fondamentali per effettuare interventi mirati sulla Glossary Link carburazione e sugli accessori esterni ( Glossary Link carrozzeria) per permettere al nostro micromotore di funzionare correttamente e, soprattutto, garantirgli affidabilità . Uno strumento di rilevazione della temperatura risulta quindi essere molto importante per i nostri scopi, e molto spesso sottovalutato, anche per i costi di acquisto che sono spesso elevati. Vediamo oggi quindi un paio di esempi di sensori che ricalcano i due concetti principalmente utilizzati da tutti i tipi di rilevatori di temperatura, la termocoppia ed il puntamento laser-infrarossi. Per effettuare un parallelismo tra i due abbiamo deciso di percorrere strade diverse, così abbiamo da una parte utilizzato un costosissimo rilevatore istantaneo della Wurth a puntamento, mentre per valutare la validità  della termocoppia ci siamo affidati ad un oggetto di economicità  assoluta, il sensore di temperatura usato di un pc rottamato.
Il rilevatore a puntamento si presenta come una impugnatura ergonomica in plastica robusta, che presenta nella parte superiore il sensore ed il puntatore e nella parte anteriore un display a cristalli liquidi di chiara leggibilità  con subito sotto, in posizione ergonomica per il pollice. L'alimentazione è assicurata da una batteria alcalina da 9 volts che si inserisce nell'alloggiamento ricavato nell'impugnatura e che garantische moltissime ore di funzionamento senza problemi, inoltre lo stato di carica è visualizzto sul display LCD che è addirittura illuminato. La rilevazione della temperatura risulta facile ed immediata, è sufficiente premere il pulsante di attivazione e puntare il sensore sul punto di cui rilevare la temperatura, che viene indicato con precisione dal puntatore laser integrato, sul display illuminato apparirà  la temperatura rilevata in gradi C o F a seconda della selezione e verrà  mantenuta attiva alcuni secondi, ma non verrà  memorizzata. Il cono di uso del fascio ad infrarossi è chiaramente indicato nel foglietto di istruzioni e permette eventualmente di utilizzare il rilevatore anche su superfici più estese di un punto preciso, ad esempio per rilevare la temperatura di una piastra o quant'altro abbia dimensioni maggiori dei nostri micromotori. Unico neo di questo tipo di rilevatore è la non perfetta efficienza su superfici lucide (come ad esempio alcune teste di raffreddamento o marmitte nuove) che riflettendo il raggio ne vanificano la lettura costringendo a ripeterla alcune volte fino a leggere temperature corrette.
Il costo, davvero elevato, si aggira sui 90 euro, ma la precisione ed immediatezza della rilevazione e le possibilità  che offre lo rendono davvero un oggetto interessante. Infatti può essere comodamente riposto nella cassetta degli attrezzi, pronto all'uso in ogni momento e per rilevare ogni tipo di temperatura, da quella dei diversi punti del motore (testata, candela, scarico) a quella delle altre parti del modello (marmitta, gomme), permettendo di costruirsi una propria banca dati delle varie temperature e quindi migliorare le proprie conoscenze e di conseguenza prestazioni.

Il rilevatore a termocoppia: come anticipato sopra, è stato ricavato economicamente dal cabinet di un vecchio pc fuori uso (lo stesso da cui abbiamo tolto anche l'alimentatore per il supporto modello che era provvisto di tale rilevatore per monitorare le prestazioni del processore e regolare le ventole di raffreddamento in base alla temperatura. Il rilevatore è stato smontato semplicemente sfilando le spinette di connessione interne ed il sensore a termocoppia e svitando il display LCD dal frontale del case. Una volta in mano tutto il gruppo ci si ritrova in pratica il parallelepipedo in plastica del display con all'interno la parte hardware anche del sensore, il tutto ben racchiuso nel contenitore. Dallo stesso partono due cavetti a doppio filo, uno porta alla sonda vera e propria di rilevamento della temperatura, l'altro invece è l'ingresso di alimentazione. Alimentazione che può avvenire funzionalmente con un range compreso tra 4,5 e 9 volts, perfetta per pacchi batterie rx da modellismo siano essi a 4 o 5 elementi, oppure 6 in caso di modelli elettrici. L'uso più immediato che ci è balzato all'occhio quindi è stato di un rilevatore on-board per automodelli, alimentato dalle batterie rx tramite innesto dell'ingresso di alimentazione su una prolunga (visibile nella foto in cui i cavi sono stati volutamente lasciati liberi) e posizionato, nel caso di modelli da pista come quello delle foto, sopra al servo dello sterzo (o in corrispondenza sui modelli dotati di servo sdraiato). La termocoppia, con una lunghezza del cavetto di circa 25 cm permette il posizionamento della sonda in qualunque punto statico del modello, quindi testata, marmitta, collettore, carter rimangono ovviamente fuori le gomme. I questo modo potete avere un valido ed economico aiutante direttamente sul modello che, ad ogni sosta ai box, ad esempio per il rifornimento, vi indicherà  (leggendolo attraverso il parabrezza) sull'ampio e leggibile display la temperatura di funzionamento di quel particolare che vi interessa. Questo vi permetterà  ad esempio di non dover nemmeno puntare e verificare come avviene col puntatore infrarossi, offrendo una immediatezza anche in gara ad esempio durante i rifornimenti per verificare certi parametri. L'unica accortezza sarà  di evitare di sporcare di miscela il display, magari proteggendolo con un piccolo ritaglio di lexan da carrozzeria, e di rendere stagno il contenitore con un filo di pattex nei punti giusti. Eventualmente anche qualche pezzo di gommapiuma per assorbirre le vibrazioni vi permetterà  molta più affidabilità . La sensibilità  si è dimostrata molto buona, con scostamenti lievi rispetto a quelli del puntatore, preso come parametro ottimale, anche se la lettura ne risulta meno immediata, data la frequenza di "refresh" di circa 4 secondi, comunque sufficenti a permetterci di leggere, dato il tipo di utilizzo, una temperatura corretta e rilevata abbastanza istantaneamente.

Un vantaggio rispetto al puntatore è quello di non avere problemi a leggere la temperatura di tutte le teste di raffreddamento, opache o lucide che siano, e la possibilità  di rilevare affidabilmente anche punti poco accessibili come la parte bassa del carter, dove il puntatore fatica ad arrivare. Questo tipo di rilevatore risulta più economico e maggiormente utilizzato in vari ambiti rispetto al più costoso puntatore infrarossi, quindi, oltre che nei computer, potreste trovarlo in molte altre applicazioni, da cui poterlo eventualmente smontare e riutilizzare in campo modellistico, realizzando quindi in maniera molto economica un importante upgrade del vostro equipaggiamento automodellistico, anche se gli usi che se ne possono fare sono infiniti; sugli aeromodelli potrebbe essere montato stabilmente con il display "annegato" nella fusoliera, negli scafi potrebbe essere altrettanto utile (noi lo abbiamo testato anche sul Nitro Vee con risultati interessanti e soprattutto molto utili).
Conclusioni: i due tipi di rilevatori risultano indubbiamente interessanti e soprattutto utili, permettono di capire e migliorare le proprie tecniche di carburazione e relativi risultati, di valutare interventi attuati sul modello, come un tipo di apertura della carrozzzeria rispetto ad un'altra sugli automodelli, oppure il risultato di un elica rispetto ad un'altra sugli scafi e sugli aerei permettendo una flessibilità  in entrambi i casi che ci fa ritenere tali strumenti una parte indispensabile di un buon equipaggiamento modellistico.


Pregi:
Puntatore a infrarossi
Difetti:

Immediatezza di lettura

Ergonomia e leggerezza

Portatile e maneggevole

Precisione

Possibilità  di rilevare in qualsiasi punto

Inaffidabile su superfici lucide

Costo elevato

Non memorizza



Pregi:
Rilevatore a termocoppia
Difetti:

Accessibilità  a punti nascosti

Economico

Rileva su qualsiasi superficie

Possibilità  di installazione fissa sul modello

Lettura non immediata

Utilizzabilità  esterna limitata

Alimentazione esterna









Chi siamo

Ho fondato RCBazar.net nel Marzo 2003 e lo gestisco praticamente da solo. Mi trovo spesso nell'impossibilità  di aggiornarlo e per questo motivo ho deciso di aggiungere un modulo di collegamento con la pagina di FaceBook. Per informazioni scrivete a: info@rcbazar.com.